Che cos’è questo Concilio Giovane?

  1. È un compleanno: celebreremo il 50° anniversario della conclusione del Concilio Vaticano II (8/XII/1965 – 8/XII/2015) e, a cinquant’anni, si è ancora giovani!
  2. È un anno di grazia: un Anno Conciliare (19/XI/2014 – 7/XII/2015) per rileggere la lettera del Concilio e assimilarne lo spirito, per poter essere prima che fare.
  3. È un cammino: non solo dei giovani, ma di tutta la Chiesa, ritmato sui colori e sui tempi dell’Anno Liturgico e della Domenica. Un cammino che si apre dinanzi, sui sentieri della Parola, da percorrere nella fiducia allo Spirito Santo e aiutati dalla santità di Alfonso Maria de Liguori.
  4. È uno stupore da riscoprire per ciascuno e per tutta la Chiesa, liberandoci da una pastorale di conservazione, appesantimento, fiscale e datata, che lascia fuori la gente.
  5. È uno stile per imparare ad accogliere nuovamente il Vangelo “sine glossa”, ripulendolo da tutti gli involucri e le incrostazioni che lo soffocano.
  6. È una preghiera personale e comunitaria, che deve salire dalle famiglie, dalle Parrocchie, dai luoghi della vita e della sofferenza, per chiedere allo Spirito di rinascere dall’alto, di ringiovanire nel cuore e nella vita.
  7. È un atto di Chiesa, semplice e solenne, da accogliere a capo chino, con pronta obbedienza, mettendo a disposizione il cuore, le mani, l’intelligenza, nello sforzo condiviso di aprire strade nuove, di inventare e sognare scenari ecclesiali diversi.
  8. È un modo per ritornare giovani, facendosi accompagnare, strada facendo, con docilità piena, dalle indicazione del Vescovo e della Segreteria Generale, che ha il compito, insieme ai Delegati, di supportare il nostro cammino di Chiesa.

Buon Anno Conciliare

Vi benedico
† Giuseppe, Vescovo

Nocera Inferiore, 29/XI/2014
Inizio Cammino di Avvento